Google+ Followers

Sunday, 28 February 2010

Dead by Dawn /// Altre foto di backstage

Cullo e salo un po' l'attesa del booktrailer per Dead by Dawn di Alessandro Boni (per chi si fosse perso il primo post, eccolo).


...Pregustatevi alcune delle nuove strepitose tavole che Alessandro sbatte in anteprima sul suo blog:



Inoltre ecco alcune delle immagini di backstage che scattò, in pellicola, Alberto Mocellin (che si era anche preoccupato della direzione della fotografia - oltre a dare una mano in tutto).


Michelle Soledad Gorr, in attesa.
Io - tentando di prendere decisioni in tempo utile.
Costumi



Trucco




Io, Michelle e Gianvito.



"Mo ti faccio vedere io!"






A proposito, finalmente Alberto ha caricato on line le sue fotografie - se volete tenerlo d'occhio: acqua sintetica, su carbonmade.

Wednesday, 24 February 2010

...Dormire fra le tue costole


Quest'illustrazione è di novembre scorso, ma l'ho scansionata solo di recente - e mi piace tanto tanto tanto, varie imperfezioni nonostante.

Disegnata un po' pensando a Craig Thompson. Quando lessi Blanketts non mi ripresi più. Ve lo dirà qualsiasi recensione, lo so, ma quel libro è davvero un Capolavoro. Gli devo troppo.



P.S. Intanto continuate il sondaggino a destra! ;) E non fate troppo i furbi con l'ultima voce, eh, che, anche se l'ho messa io, è evidente che qui vi sto esplicitamente chiedendo un parere vostro! E non badate alle opzioni nettamente
"estreme" e senza sfumature, inzomma, era per farla breve, una volta tanto... Tanto per spiegare ci sono i commenti, semmai.
A proposito, aneddoto: che ridere, ho visto che qualcuno ha cercato in google "eleonora liparoti compleanno"! XD

Tuesday, 23 February 2010

Secondo voi...

...devo cambiare l'immagine del mio pescione rosso dalla testata del mio blog?
Ho messo pure il sondaggino, qui a destra: votate! :)
Scade alle 21 del mio compleanno, perché se mi convincente a cambiarlo "mi regalo un altro disegno".
Sì, che c'è? I miei disegni posso regalarli solo a Peter Murphy? :P

Ritratti rubati dall'inizio dei freddi.

Lei è Nyva, appunto, Nyva Zarbano. Con questo nome e quei capelli e quello sguardo, sembra di per sé un disegno vivente! ♥

A sinistra Abo (malade!) e a destra Don Chisciotte De La... ooops, no, il prof di fotografia, Dallago! XD

He's Matteo Stefan!
Una mente pericolosa dietro un volto innocuo.
Prima o poi faremo insieme un piano diabolico contro l'universo, bwahahaha.

Lui, tecnicamente, è Snerto, un mitico esserino psicopatico (che ci scattò le foto durante il set de L'Ultimo Giorno). Ma il nostro vero Snerto ha un mento piccolo e a punta completamente assurdo, questo non gli fa fede. Mi rifarò, Snerto, mi rifarò!

Anche Antonio Caronia qui è già passato... ;)

(Parole sante, Desmond...)

Ahem, questo... È Federico Fiumani. ♥
Vidi i Diaframma diverso tempo fa, ma sono stata a lungo perplessa, su questo ritratto.
Del concerto invece no, obviously.
Settimo cielo.

Et enfin moi-même, rilfessa nel vetro del tram, prima di andare a vedere Peter Murphy, a ottobre. Anche a Peter-Oh-Divine-Glam-Dark-King, feci un ritratto. Ma, approfittando della magica prima fila che mi ero guadagnata, gliel'ho donato e non l'ho più... (E mi sono pure presa al volo la bacchetta di Nick Lucero, yeah!)


KKKristo.
Devo andare a spararmi un concerto distruttivo, sono in grave astinenza.

Monday, 22 February 2010

Spersa e dipendente [reloaded]

Questo disegno ha ormai circa tre anni - e si sentono.


Ma in questo momento sta bucando il tempo e mi sta vicino, come un vecchio amico.
A volte Eleonora mi guarda da dietro e mi consola, le voglio un gran bene, in fondo.
A Eta, invece, 'sta mattina, l'appenderei al muro. Magari proprio lì, dove ci sta quel chiodo.

Qui non l'avevo mai ospitato, comunque. Il disegno, dico.

Sunday, 21 February 2010

Gianveta etito cofanoparoti studiano di brutto.

Solitamente qui carico cose minimante riguardanti i miei lavori e via dicendo.
Ebbene.
Credo che queste foto siano dei capolavori.
Ritraggono con un'intensità senza pari il profondo sentimento che ci accomuna nella preparazione di questi esami.
Ma a proposito di cose in comune tra me e Gianvito, a questo punto sono tenuta a raccontarvi della perfomance virtuale che teniamo su Facebook: dal momento che, come leggenda vuole, io sto tentando di non aprirlo fin
ché mi è possibile, be', dato che la sua comodità è comunque indubbia, a un certo punto, il nostro caro John ha deciso di innestare il mio Spirito nel suo account, deformando il suo nickname di Gianvito Cofano in Gianveta etito cofanoparoti.
Non trovate che tutto ciò sia geniale?
Ormai più per il gusto surreale
che implica che per il discreto e saltuario uso funzionale che me ne può tornare (quindi non aspettate di trovarmici troppo, alla fine resta il suo account).
Fine del trattato.
A voi i capolavori:





Lividi - Pelle Aleph /// Di necessità virtù

Come qualcuno ricorderà, ho l'abitudine* di registrare fotograficamente i miei lividi.

Di recente me ne sono trovata un paio, abbastanza colorati, attorno al ginocchio (e non so come - forse il mazzone di chiavi che balla dalla giacca del soprabito).

Ma, ahimé, sono stati più veloci della mia pigrizia e io sono rimasta senza foto.

Una tale mancanza, però, no, non potevo sopportarla.
(Per non parlare del fatto che quel completista maniacale di mio Cugggino McA, se avesse saputo della mia imprecisione, si sarebbe ritrovato il cuore infranto**.)

Così ho deciso di rimediare.
So anche disegnare, no?

Quindi ecco com'è nato questo disegno:


Una nota: d'istinto, ho scelto una composizione che fosse in qualche modo fedele alla foto che, ipoteticamente, avrei fatto. Anche per questo è saltato fuori un "metadisegno", proprio come, altre volte, nelle foto di Lividi, si poteva scorgere la macchina fotografica nello specchio, oppure si notava una prospettiva inequivocabilmente ipersoggettiva.

Altra nota in parallelo con la fotografia ipotetica: be'... mi sono accorta che... ho usato un teleobiettivo! (Ok, scusate, questa me la potevo risparmiare... O forse no.)

Terza nota: il titolo, Pelle Aleph
Spesso mi viene chiesto perché mi faccio queste foto e perché ho 'sti lividi - e a volte qualcuno è perfino finito per supporre scenari ipertragici...
Ecco, vorrei spiegarmi una volta per tutte.
1. Mi faccio male solo perché sono un distrastro vivente. Non ho un marito che mi picchia!
2. Il primo vero motivo per cui amo i lividi è fottutamente & meramente estetico: i lividi sono splendidi, sono trucco glam, o dark, sono effetti cinematografici, sono punte d'acquerello sull'enorme tela-pelle, che è un tessuto ricchissimo di disegni, sfumature (Schiele, Caravaggio, Michelangelo lo sapevano...). La Pelle è un Aleph, per dirla con Borges - anzi, con il mio amico David (sempregrazie!).
...Dietro l'estetica, poi, si possono cercare altri mille motivi, è vero. Ma mi sembra giusto avere l'onestà di ammettere che il mio primo istinto è solo quello del feticcio estetico.


Curiosità: con il foglio tra le mani, ero disgustata del mio lavoro, ma una volta scansionato mi prende piuttosto bene. Questa è una cosa strana, ma non rara. Un giorno ne riparlerò, ho una mezza idea del perché. Succede anche a voi?



* Quando ho scritto "abitudine", mi sembrava di usare una parola che avrebbe svalutato ciò che intendevo. Invece è perfetta. Sentivo l'urgenza di raccontarvelo...:



** Cugggino, lo so che sto esagerando. Lo sai che è divertente farla più grossa! :P

Saturday, 20 February 2010

Una cosa che farò, una cosa che non farò e una cosa che ho fatto.


Una cosa che farò

Andrò a Fullcomics. Mi ci trovate il 6 e il 7 marzo.
Questa volta stand degli editori! Con Fumectory! (In fondo al blog anche il bel banner tamarro by Marco Tanca!)


A proposito, condiverò la stanza con un altro fumettista e stiamo cercando un terzo compagno di stanza: qualcuno interessato? Oppure, qualcuno conosce qualcuno che lo è? (Potete anche farmi sapere qui: maleta@alice.it)


Una cosa che non farò (forse...)
Non andrò a vedere Jet Set Roger e la sua band, all'Arci di Cremona, stasera.
Eta, devi studiare, ok?
Però ho il cuore che mi piange e si odia.
Andateci voi, andateci tutti, perchè Jet Set Roger è un Idolo.
(Ne approfitto per promuovere la serata con la strepitosa locandina:)

Cantautore glam rock nato a Londra e ora vagabondante a Brescia.
Iniziai ad ascoltarlo quando lo scoprii per Manituana dei Wu Ming (con cui Jet ha collaborato) durante la mia bella esperienza di Pontiac (il racconto di Wu Ming 2 da cui ho tratto un fumetto - (scaricabile qui)).
(McA, Cugggino, possa tu perdonarmi, I love you!)

[N.B. In realtà c'è anche un'altra cosa che NON farò oggi: non andrò a una festa in maschera che si preannunciava strepitosa. Volevo travestirmi da Frank Zappa morto. Il naso c'era, no? Ppfff... Be', Eta, basta co' 'ste benedette cose NON fatte, ok? Le ho sorriso o non le ho sorriso? Mi ha sorriso? Eh? Ahh! Bastaaaahhh! Ops, l'ho detto... o l'ho solo pensato??]


Una cosa che ho fatto (e che infatti sapete già)
La mostra di Frigolandia a Perugia!
...Che nel frattempo continua a vivere e a dare spettacolo, perciò, se oggi pomeriggio o il 27 siete nei paraggi, fate un salto alla seconda e terza inaugurazione! :)
(E tanto per peggiorare la situazione, Eta vorrebbe sdoppiarsi ed essere anche là, va be'! :P)

Ho caricato le foto che avevo scattato, perciò chiudo il post con un po' di frigoarte! :)


Vincenzo Sparagna invita a entrare...

Manco! Manco! Manco!

Una delle opere di Luciano Biscarini

Io e il mitico Giak!

In questa foto ambigua, Andy tenta di aprire una bottiglia di frigovino con chiodo e martello...

...e ce la fa!

Io e Vincenzo!

Giak che finalmente punisce Andy!

E infine....
...Attenzione:

Topolino crocifisso!


...Con buona pace del mio amore per il multiverso Disney e contemporaneamente con tutta l'euforia del mio spirito blasfemo-antipop! XD


Fine del post.
Rockisses!
Eta