Google+ Followers

Tuesday, 3 July 2012

Aspiratrici tonde dell'universo intero

Ecco cosa siamo.
(Tutti, ma non tutti lo sanno.)

Io lo so. Dorotea Pace, pure, fortissimo, lo sa. Forse più forte di me (in lei c'è da una dose di fuoco senza pause che in me è (diventato) serena luce tiepida (con pause, o forse solo lunghe dispersioni progressive)).

Eta - Golden Tea
Sono onorata di poter spiare questa Signorina Rotondità nella mia vita, e intrecciarmi parallela intrecciata a lei. E non-rubo fiera queste sue parole, perché so che in parte poggiavano proprio lì su quella maniglia, o su quelle tapparelle di legno, abbarbicate tra i nostri nastri di discorsi di quelli che alla fine sei proprio felice di non aver preso quel treno e aver dormito a Rijsveik vicino a lei.

Godetevi il respiro troppo forte di Dorotea e, se siete fra coloro che vorrebbero capire meglio come sto io qui nelle mie nuove lande nei Paesi Bassi, be', qui trovate un bel po' di risposte che valgono anche per me, incluso come mai non ne racconto così tanto.


Se volete leggere il suo post Fabulazioni lungo integro incontenibile, voila.



[...] e (non) mi piacerebbe sapere come mai potrei provare solitudine io se in me stessa – che sono ciò che possiedo e niente in più – ho tutte le molecole d’aria dell’universo intero che valga la pena di ingerire e metabolizzare come fossi un grande stomaco primordiale, eccoci qui, questo è l’orifizio, per aprirlo un palpito è già di troppo ‘ché io sono diventata rotonda, adesso lo so, quando ho cancellato la linea di confine tracciata spessa tra me stessa e l’universo intero, è stato come rinascere a vita nuova, per tutto ho provato curiosità per la prima volta e per la prima volta mi sono sentita incredibilmente vicina a tutto. Senza un ingombro simile, l’aria dell’universo intero si riversa contro l’orifizio del mio essere come fossi uno stomaco, non sempre è generosa a volte picchia duro ma perennemente seduce disarma. Io ho fame sempre abbastanza di una fame che è come un bambino recalcitrante collerico impaziente, inspiro espiro con forza e ogni flusso d’aria che mi percorre scatena lungo l’esofago un canto esultante che ripercorre fibre muscolose e vasi sanguigni anche i più insignificanti niente resta impermeabile perché ciascuno di quei flussi d’aria seduce con una bellezza perturbante, il fracasso delle ossa sotto le onde d’urto di una grancassa il riverbero lungo la schiena di un sussurro la metafisica del volo di un aquilone la banalità di una vulva bianca in mezzo a mille altre frantumate tutto mi incanta e mi esalta fino all’ebetudine come fosse un prodigio, io stessa sono un prodigio sono nel posto giusto e nel momento giusto, il mio corpo è il posto giusto e il momento giusto la sede di un piacere profondo capace di legittimare l’esistenza dell’universo intero il suo splendore, come sei bello universo intero!
Oh
, quanto mi piace essere rotonda che è come essere innamorata, un rigoglio assoluto di soddisfazione e appagamento rinsanguato da un’armonia di ruggiti arroganti di ancora ancora e ancora che non accettano di restare inascoltati.
Ho vissuto tantissima vita in questi mesi, ne ho trovata ovunque abbia posato lo sguardo, non tutta bella non tutta brutta eppure sempre conturbante. A chi mi ha fatto domande, non ho saputo mai raccontare senza avere l’impressione che le mie parole fossero troppo poco, mai in grado di restituire neanche le briciole di tutto quello che stavo provando tanto era intenso e connaturato alla mia realtà fisica e mentale del momento e dopo giorni passati a domandarmi perché – io che col racconto ci vado a nozze io che ogni cosa diventa un racconto mentre ancora sono impegnata a viverla – ho capito di non possedere una soltanto delle parole adeguate a questo genere di storie.
Il vero dio creatore della mia crisi del fabulare però è stata la sensazione cattiva di perdere squarci e percezioni importanti ad ogni nuovo tentativo smangiucchiato muto cieco di fare della mia vita un racconto, ero ancora troppo nuova nella mia rotondità per accettare con serenità che qualcosa digradasse da me per diventare un po’ meno intima un po’ più condivisa, sarebbe stato come perder forze. Ho smesso di fare della mia vita una storia e non mi è sembrato di commettere un’azione brutta perché nel frattempo semplicemente ho vissuto, tantissima vita.
Un giorno poi mi sono guardata nello specchio e meraviglia! ero un po’ più forte sicura del mio modo di stare nell’universo intero, è successo dopo una caduta laterale dei sentimenti che mi ha sconvolto la rotondità e mi ha trascinata in una condizione di crescente disagio e disorientamento finché non ho riafferrato al volo la giusta corrente del momento per tornare a essere rotondità piena e densa ‘ché dopotutto l’unico rimedio alla vita è la vita stessa e io appartengo a quella specie che le lezioni si imparano dimenticano ricordano vita vivendo, mica una volta fino alla fine dei giorni.
Un altro giorno poi mi sono guardata nello specchio e meraviglia! ho vocalizzato parole nuove come “prodigio” e “piacere” e il loro corpo il loro suono mi sono sembrati come la pioggia che piove all’improvviso quando hai voglia di ballarci sotto.
Sicché

"In principio ero metà meno qualcosa ecceteraeccetera"

che è da considerarsi un primo [rinnovato] tentativo verso l’esterno.



PS. Ho provato più volte anche a scarabocchiarla a matita, ma in lei più che in chiunque altro, io proprio non ce la faccio a dare i contorni. Guardacaso, Dorotea è direttrice della fotografia.
Sì, ovviamente è una scusa per occultare la testimonianza del mio fallimento (oh, il mio ritratto non ci somigliava 'na seganulla, per dirla come si deve). Però, sul serio, mettere il contorno (il tratto spesso) a Dorotea Pace è proprio un Crimine che non si può fare.
(Ci proverò la prossima volta)
(Ma mi devo portare i pastelli! Cazzo, poi vi chiedete perché ho le borse pesanti?)

6 comments:

dorotea said...

Ok, è ufficiale. Così mi fai venire le vertigini. <3
Ora vengo lì, ti spupazzo un po' e torno qui. In mutande e triangolo del costume, così come sto. Sarebbe il viaggio day return più ben impiantato fin'ora.
Come dirti grazie? E' bello pensare che in parallelo posso vantare la compagnia di esseri umani come te.
Fortuna che siamo come il vento. Così non sento tanto la mancanza. Un soffio arriva sempre.
A presto. :)

Eta said...

Tesoro, non ho fatto niente, o niente che già non sapessi. Il pezzo forte è il tuo. :)

Exist in the same space said...

I'm in love...

Eta said...

With the whole universe? :)

Exist in the same space said...

Con tutto quello che avete creato con le parole!!

Eta said...

:)
Uno dei migliori commenti che potessi(mo) ricevere!