Google+ Followers

Wednesday, 5 October 2011

Un altro mattone nel muro



Questa foto risale a sei mesi fa, quando io, mio cugino McA (il primo a sinistra, di cui spero notiate la maglia...) e i suoi amici Baldo e Bona siamo andati all'attesissimo live di The Wall. Io ne scrissi di getto immediatamente, in questo post, ma pestavo i piedi per leggere il reportage di McA, il mio Lester Bangs di fiducia... Ora finalmente il reportage è arrivato, dopo una gestazione di sei mesi. Come da tradizione è pubblicato su Cremonapalloza:

Scommetto che in tutta la rete non troverete un altro report altrettanto dettagliato, preciso, devoto e coinvolto di una data del tour di Waters. Per me che l'ho vissuto, proprio pelle mia contro pelle sua, il suo articolo è preziosissimo, perché mi permetterà da ora a sempre di rivivere e ricordare con dovizia impagabile la cronologia di brividi vissuta. Al punto che sono certa che, leggendo le mie parole, McA starà pensando alle mille omissioni e imprecisioni che lui riterrà imperdonabili, ma che individua comunque nel proprio testo, tanto è adorabilmente maniaco... Ma voi fidatevi di me (e non di quel capellone!), è Il Reportage. Leggetelo, se di quel caposaldo di tutto che è The Wall ve ne frega qualcosa. (A meno che voi siate stati a uno dei live e vogliate mantenere il vostro personalissimo ricordo inalterato (posizione che rispetto), o a meno che siate mirabilmente pazzi e speriate ancora di accapparrarvi un biglietto per gli ultimi live che Roger sta ancora facendo, tipo in Argentina, Australia e qualcosa del genere...)


Passo e chiudo.
Mai abbastanza grazie a mio Cugggino, di nuovo e di nuovo e di nuovo, per quel pomeriggio del 2001 circa in cui mi mostrò The Wall e mi rovinò l'esistenza... ♥

4 comments:

ribbon. said...

w le esistenze rovinateeeeee

McA said...

Grazie a te, kujina, perché riesci sempre a entusiasmarmi col tuo entusiasmo!
Più che omissioni o altro, nel reportage ho dovuto sfrondare/snellire: provare a descrivere tutto (sia dal punto di vista di quel che è accaduto, sia dal punto di vista di come l'ho/l'abbiamo vissuto) avrebbe reso il reportage un papiro più di quanto già non sia, al contempo risultando probabilmente poco significativo per il lettore. Ho cercato un difficile equilibrio tra poli quasi opposti, chissà se ci sono riuscito.

Rock on!

McA

Calzino said...

w tuo cugggggino anzi attuocugggggino!

Eta said...

@ ribbon
Oh yeah.

@ McA
Io il mio entusiasmo spesso credo di prenderlo da te, quindi, cuggg, mi sa che io e te siamo un bluff e in realtà nessuno dei due è entusiasta mai! XD
Per le omissioni, forse ho usato un termine a caso, ma mi riferivo a quello.
Secondo me quell'equilibrio l'hai trovato sì. :)

@ Calzino
Sììì!!! ♥