Google+ Followers

Monday, 31 May 2010

Scappa con me



Non l'ha fatto apposta, ma a furia di spiarla, Incendio si è emozionato, e tutta la Reggia di Lady Formica ha preso fuoco.

Ora non sa più che fare. Non sa se glielo dirà, non sa nemmeno se lei l'ha già capito da sola.
Ma nel fondo del suo cuore sa di averla liberata, di averle fatto un regalo, sa che forse lei davvero ora scapperà con lui...



Altra data organizzata dall'etichetta
Noiseville.
Il 4 giugno 2010, dalle 19, alla Clínica Mundana di Valencia (in Plaza del Angel, 5).
Con Thérèse, LinFante, Siempre! e José Ramón Alarcón.

Ed è in arrivo altra robaccia: il nostro bel cremonesotto si sta facendo amare, laggiù, a quanto sembra. :)

Sunday, 30 May 2010

Tanto estro per LinFante ad Alicante


Una sera che con amici giocavamo ad associare ciascuno di noi a un animale, con insistenza mi si voleva affibiare un uccello esotico, probabilmente per il mio continuo e ossessivo bisogno di buttar fuori roba, che sia con un disegno, con un abito o in qualsiasi altro modo. Io ero un po' perplessa, ma ho accettato il parallelo.

Tempo dopo, senza neanche più pensare a quel discorso, cerco in rete delle immagini di un cacatua, per disegnarlo. E scopro così che c'è una specie che si chiama giusto Cacatua Galerita Eleonora*!
...Mi sa che mi toccherà presentarlo ai miei pesci volanti, 'sto cacatua: a questo punto meglio che lavorino insieme, no?

Nel frattempo l'ho contaminato di un qualche marroncino ungulato e gli ho preparato un incontro romantico con Lady Formica. Lei, a proposito, la rivedrete a breve...

Entonces, aquì mi nueva cartelera para LinFante y Thérèse, esta vez vivir en el local 8 y medio, sabado 5 de junio, a las 21 horas, en Alicante.


El concierto pertenece a el mini gira que està organizando para nos dos artistas la etiqueta Noiseville.

[Scusate il momento ispofono facilmente fallace, non ho resistito!]

Baci pennuti,
GalerEta

* C'è scritto pure lì a destra, ma ricordo al gentile pubblico che Eleonora è il mio nome anagrafico...

Thursday, 27 May 2010

Portfolio Manco


Manco
è uscito ed è disponibile!



Il portfolio sarà a sostegno di Frigolandia terra di Frigidaire

10 poesie abbinate a 10 serigrafie (8 a colori 2 in B/N)

In formato A3 (42 x 33 cm)

Su carta uso mano delle cartiere Fabriano da 140 gr/mq

Le stampe saranno contenute in una cartella (50 x 33 cm)

Con carta uso mano delle cartiere Fabriano da 240 gr/mq

Con cover a 4 colori

L’edizione sarà limitata in 200 copie numerate e firmate

PER PRENOTAZIONI E INFORMAZIONI

portfoliomanco@gmail.com



Non vi nascondo quindi la sorpresa ed il sollievo nel vedere in queste tavole e soprattutto nelle splendide poesie di Luciana Manco la stessa urgenza e la stessa sincerità espressiva che mi hanno fatto amare questa rivista. Mi era mancata e questa mi ha fatto venire la voglia di riscoprirla...

Manuel Agnelli

Non vedo l'ora di averlo anche io tra le mani!


Dentro c'è anche l'illustrazione che esposi a febbraio, a Perugia, con la mostra di Frigidaire.
Si tratta di un disegno molto speciale, per me. Così come ai tempi ne realizzai otto miliardi di versioni, tutt'oggi non riesco a esserne soddisfatta. Forse perché ho avuto l'onore/onere di realizzare la tavola dedicata ad Andrea Pazienza... Un impegno decisamente ingombrante per il mio cuoricino... A ogni modo, ne approfitto per ringraziare ancora, infinamente, il mitico Giak, decisamente anomalo quanto basta per entrare in empatia con la mia anomalia e darmi questa opportunità! E naturalmente Manco stessa, che mi ha fatto non poco viaggiare sulle sue parole...

Monday, 24 May 2010

Legàmi /// Ottanta più ventuno

Dopo ventun'anni di esistenza, sono riuscita a togliermi una grossa soddisfazione: fotografare Mia Nonna, perfino con me, nella magica casa dove sono cresciuta. In realtà le prime fotine sceme, a dodici anni, con un'inutile automatica, le ho fatte tutte lì, in questo luogo strabordante di suggestioni. Ma questa è la prima volta che sento di essere riuscita a tradurre quello che volevo, almeno in parte.
Merito dell'aver avuto la scusa di dover scattare qualcosa per Legami (con accento a piacere degli autori...), la mostra di quest'anno dell'associazione culturale Territori e Paradossi (avevo partecipato anche gli scorsi due anni). L'inaugurazione sarà presso gli spazi espositivi della Torre di Mestre, il 5 giugno, alle 17.30.

Le foto che ho rubato sono davvero molte, ma per ora posto solo le due che saranno all'esposizione:


Criptico locus amoenus

Ottanta più ventuno evocazioni di madelaine

Non ho voglia, ora, qui, di dire altro. Chi mi conosce sa quanta Roba ci può stare dietro queste due immagini. Per tutti gli altri, va bene così, mi fiderò delle mie foto.

Un super super grazie alla mia Mamma, per i clic.

ZigFante


Ecco un altro piccolo assaggino della rinfrescata all'immaginario de LinFante.

Thursday, 20 May 2010

L'ultima cena del Bianconiglio


Oggi trattengo la mia logorrea, questa volta basta quella di David:

Come nella celebre opera di Carroll, Marco Connelli e Nikolas Compiani interpretano una lepre e un cappellaio electromusicanti, coadiuvati dalla chiassosa presenza di tutti quegli artisti che, complice la voglia di stare in compagnia, di lavorare tutti insieme, stanno seduti intorno al tavolo. E' un cenacolo, un addio, un modo di salutarsi prima di prendere tutti una strada diversa da quella intrapresa con il progetto 7NOTE, ma è anche un modo di creare legami, di imbastire relazioni, nella più semplice delle ipotesi il piacere di stare insieme a sorseggiare tè e altri intrugli. Un salotto estetico, forse, magari solo un tributo al non-senso dell'arte e uno schiaffo al presuntuoso bisogno di etichettare ogni cosa. Non ci sono giochi di ruolo, qui, solo estro e compatibilità. Chi vuole venire e unirsi alla congrega porti una sedia. Astenersi perditempo.


Di cosa si tratterà lo lascio alla vostra immaginazione - nonché in primis alla mia stessa.

Non vedo l'ora.

Wednesday, 19 May 2010

Ricci e mandarini à go go


Domenica ci siamo immersi nel Parco di Robecco d'Oglio, per me e soprattutto per le mie ricce amiche robecchesi un luogo imprescindibile.

Tutto è nato da Alessia Degani (la rossa che potete vedere nelle foto).
Alessia, anzi, per me Axl, a trip nel cranietto sta forse messa peggio di me... Da questo cranietto, quindi, è nata un'idea alla quale mi ha chiesto di collaborare per trarne un video.

Le riprese e il consueto delirio ci sono, intanto (per tutto ciò che è post mi avvalerò della complicità di Miss Federica Intelisano).
...E per convidere un po' di "preview", ci sono delle foto scattate da David Fragale (merci, mon ami).





La splendida gente che potete contemplare, corrisponde ai nomi di: Vanessa Anzoni (la signorina coi capelli corti), Mattia Vacchelli (l'unico ragazzo seduto nel prato), Erica Lanzoni (la bionda che da queste parti potete avere già incontrato...) e Federico Fronterré (l'orso vicino a me).



Baci verdi come l'erba e rossoaranci come i mandarini e i capelli di Axl
Eta

P.S. Sarebbe stato bello avere anche delle foto della mia posa ridicola quando ho dovuto fare delle riprese da una scala di tre metri: giusto a testimoniare che ogni tanto, per caso per caso, riesco a non farmi male nonostante tutto suggerisca il contrario!

Tuesday, 18 May 2010

Aperitivo con LinFante

Questo manigoldo di Stefano Scrima, aka LinFante, sta finendo per procurarsi più date in Spagna che quando stava in Italia. Quindi in arrivo un sacco di locandine etose. Intanto beccatevi questa, nella quale c'è anche il suo zampino grafico (altrimenti io spiravo tra un'ecoline e un pennarello...).



Thursday, 13 May 2010

FRIGIDAIRE verso un nuovo inizio

Anche Eta si fa eco della rinascita di Frigidaire con il nuovo editoriale di Vincenzo Sparagna!
Ormai è conto alla rovescia. Trepido!

_____________




A
l principio di giugno del 2010, Frigidaire tornerà (finalmente) in edicola non più nella veste di un inserto di un solo giorno dentro il quotidiano Liberazione, ma come un giornale intero, distribuito in parallelo con il quotidiano comunista, ma in vendita separata al prezzo di 3 euro e in edicola per tutto il mese. Partiremo con 16 pagine tabloid a colori su una carta di circa 60 grammi, poi vedremo se e come allargare gli spazi e aumentare eventualmente il numero delle pagine.
E’ un ritorno atteso da tempo, ma è soprattutto un nuovo inizio, poiché la storia non si ripete e il contesto sociale, politico, culturale e comunicativo in cui nasce il nuovo Frigidaire è assai diverso da quello del primo Frigidaire (ben 30 anni fa).
I cambiamenti più importanti sono soprattutto due. Il primo è l’aumento vertiginoso della comunicazione orizzontale attraverso la rete. Oggi, a differenza di 30 anni fa, ma anche di dieci anni fa, le notizie, le foto, i video viaggiano alla velocità della luce da un capo all’altro del pianeta e questo modifica profondamente anche la funzione dei giornali. Il secondo è l’aumento altrettanto vertiginoso e inquietante della comunicazione verticale. Sia nel senso del dominio della televisione su ogni altro mezzo di comunicazione, sia per il controllo quasi completo della stampa da parte di gruppi monopolistici che usano l’editoria solo per controllare le coscienze e vendere le loro merci.
A questi due processi fa da contraltare l’estendersi di piccole pubblicazioni a circolazione limitata, che conservano la loro autonomia, ma in spazi sempre più ridotti, spesso simili a ghetti di settore.
Un fenomeno che nel campo dei fumetti, della grafica, dell’immagine ha finito per separare nettamente (sia sul web che nella carta stampata) i prodotti “popolari” dai prodotti “d’élite”.
Ora proprio su questo punto il nuovo Frigidaire è una sfida controcorrente. Noi vogliamo infatti uscire dal ghetto del nuovo underground imposto dal sistema e inventare una rivista che sia contemporaneamente “popolare” e “d’élite”. Si tratta di creare un mensile divertente, “facile” e di massa, ma senza rinunciare al gusto intransigente e allo stile rigoroso che ci ha sempre caratterizzato. Per farlo abbiamo bisogno della partecipazione attiva di tutti quei soggetti che oggi vivono ai margini della “grande comunicazione”, ovvero dobbiamo sfidare i padroni della parola sul loro terreno, senza che nessuno debba per questo rinunciare alla propria radicale autonomia.
Sarà dunque un Frigidaire capovolto rispetto al passato. Non il prodotto di un gruppo redazionale relativamente chiuso che parla agli altri, ma uno strumento aperto alla partecipazione di soggetti, movimenti, immagini, idee che vengono da ovunque. Pensiamo a una redazione fatta di mille occhi, animata da quelli che vivono nelle periferie dell’impero così come dai giovani che si organizzano in circoli, piccole riviste, blog e siti web nelle metropoli europee, americane, africane o cinesi.
Per questo chiediamo a tutti coloro che vogliono partecipare alla nostra avventura di inviarci testi, fumetti, foto, racconti, testimonianze. Così come chiediamo a tutti di abbonarsi subito (l’abbonamento costa 30 euro)* per creare quella rete essenziale di riferimenti territoriali che servirà a far fluire meglio anche la circolazione in edicola, che a sua volta sarà solo un momento della crescita di una comunicazione multipla sulla carta, sul web e nella coscienza di ciascuno.
Non abbiamo da perdere che i nostri limiti. Abbiamo un mondo da raccontare (e da cambiare) prima che l’onda nera del neofascismo, del neorazzismo, del cattivo gusto e del petrolio atlantico ci sommerga!

di Vincenzo Sparagna - 03/05/2010

* Per le informazioni su come abbonarsi vedi la voce “Abbònati” nel nostro sito www.frigolandia.eu

Monday, 10 May 2010

Non-resoconto affettuoso

Ieri Fumettopoli qui a Milano. Non c'ero mai stata. La Fumectory andava...

Delirio d'onnipotenza d'attribuzione di Marco Tanca, supportato da Franco Sardo


...perciò ho pensato fosse un'occasione per capire com'era, dato che è qui a Milano. Ebbene, personalmente ho dedotto che una fiera mercato non è esattamente il mio ambiente ideale, quindi credo non tornerò, ma come sempre ho preso il buono e ne ho approfittato per gustarmi delle belle digressioni con Lia Finato e Franco Sardo, con me allo stand (a volte non c'è nulla di meglio di certi discorsi sostanziosi e nutrienti!)
...Inoltre ho ricevuto anche un dolce pensierino da parte di Lia, hihihi:

...Pensierino che mi ricorda un altro regalino fieristico che non postai: un ritratto triplo da Sarzana (Fullcomics), di Stefano Obino. Ne approfitto oggi:



Questa volta, il nostro Marco Tanca non è potuto venire, ma ci ha chiamato ben tre volte! Sicché, scherzando, gli ho detto che ormai poteva perfino fare lui il report della giornata...!
Emh.
Non l'avessi mai detto.
A voi:


Marco è quel tipo di persona che -
No, no, no, ricomincio da capo, l'idea di inserirlo in un "tipo di persona" è già troppo fuori luogo.
Marco è... una persona in grado di fare esattamente quella piccola grande cosa originale e divertente che...
No, ok, ci rinuncio, non sono in grado di formulare una frase d'effetto, o forse è che devo evitare il diabete.

Bacincasinati,
Eta


P.S. Marco, l'ho buttato qui senza manco chiederti il permesso, però non ti chiedo scusa. Ci tenevo a sottolineare giusto che non ti chiedo scusa, eh. Tanto te hai scritto "Yeah", senza manco accreditarmelo, nonseipiùquellodiunavolta! :P

Saturday, 8 May 2010

"Cantavo già alla luna quando avevo sette anni"

Niente, è una droga, quest'anno li ascolto proprio a ripetizione e, quel che è peggio, sto diffondendo il virus anche tra tante altre persone.


La settimana scorsa mi sono concessa un'uscita e ho potuto vederli di nuovo dal vivo.
L'altra volta fu alla Fnac, noi composti sulle sedie, questa, invece, alla Casa 139, con un bordellocomediocomanda, finalmente!
E di nuovo ho tentato di ritrarli. I disegnacci più carini li ho lasciati in dono ai due figlioli, ma tre me ne sono rimasti:



Durante Blu Laguna, poi, è uscito Elvis sul palco.
No, davvero, giuro.
Incredibile, mi fissava negli occhi, stavo schiattando di paura.
Però poi mi sono tranquillizzata: per il bis i due ragazzuoli se ne sono affettuosamente scesi tra di noi, seduti a bordo palco, a suonare un po' senza manco un jack! (L'occasione giusta, per me, di ritrarre Ale, il cantante, finalmente senza 'sto cazzo di microfono davanti alla bocca. Però ho preferito godermi l'atmosfera, sarà per la prossima!)


Midigi!

Thursday, 6 May 2010

Eleganza storta


Un giorno avrò la mia metamorfosi e diventerò una linea - una delle sue, spero.

Wednesday, 5 May 2010

Il fatto di dormire perennemente sui pesci volanti, non implica che io non abbia bisogno di riposare. Chi mi aiuta a capirlo?

Altro disegno scappato per "sbaglio", lavorando ad altri progetti.



La mia testa sta esplodendo. Mi vengono idee a raffica, mi vengono emozioni a raffica, mi vengono pensieri a raffica, ma ho una sola vita, una sola faccia, una sola testa. Infatti mi reduco a orari discutibili - come potete desumere da 'sto post.


Quasi mi scordavo: questa domenica sarò a Fumettopoli con la Fumectory...
certo che a trovare i nomi sembriamo i puffi...
Franco Sardo


Con me ancora IL VUØTØ, e, se Crono concede, anche delle stampe sciolte di illustrazioni...

Se vedete il mio grifone, gli dite per favore che si è dimenticato a casa mia il latte di scoiattolo per la manta volante? Grazie, eh. Scusatelo, è il solito sbadato!