Google+ Followers

Monday, 28 November 2011

"Si vede ch'era destino."

Questa foto risale alla primavera del duemiladue, ai miei tredici anni.
Fa parte di uno dei primi rullini con cui pasticciavo, con una piccola automatica qualsiasi.

  
Dopo otto anni di ostinato silenzio bellico e dopo un recente sogno che qualcuno chiamerebbe "premonitore", la mano destra della foto è tornata: bentornata.
(La mano di sinistra, invece, non so bene dove sia, ma è rimasta a lungo amica di quella destra...)

La persona più testarda e la persona più paziente.

La mano della persona testarda dice che, evidentemente, il mondo ha bisogno di noi.
Io, la più paziente, rido. Ma se sarà il caso, non mi tirerò indietro.
(Anche se la mano testarda mi dice che dieci anni fa avevo molte più energie; è delusa di quanto io sia spenta e cinica ora, da adulta. E io? Mi piaccio, ora, dopo dieci anni? Un sacco, ma in fondo avrei voluto conservare la me stessa che ero.
Il mondo ti vuole perfetta e in ottima forma, tu come ti vuoi?).

18 comments:

Calzino said...

sarà l'ormone premestruale ma io dopo aver letto questo post ho gli occhi che producono robine salate.

che magia.
e che bello scatto. io manco ora.

Eta said...

Honey! Ma grazie!
Però ti dico 'na cosa, per il bene della nostra reputazione: c'è mio cugggino che già ci pija per il culo, perché a ogni commento ci si commuove a vicenda, io e te.
:P
Se vuoi attaccarlo direttamente, è facile che ci legga (non so se legge ogni commento, ma legge ogni post :P ).
Hihihii :D

Jul said...

questa foto è meravigliosa. potrebbe essere la locandina di un film. :)
i ritorni sono belli, te lo dice una fanatica dell'idealizzazione secolare, che ha finalmente capito che sbattere sulla dinamica imperfezione della realtà è - in realtà - molto meglio di qualunque pensiero. anche se le cose sono poi diverse. :)
fuori dalle gabbie dell'iperuranio, o noi tutte! :)
tanto amore per te. :)

Eta said...

Sagge parole, girl. :)
E, sì, 'sta foto in effetti sarebbe un sacco una locandina, hahaha! :D

Grazie, bellezza :*

ribbon. said...

mega locandina davvero!
è un po' la creazione questa foto


bacini

Eta said...

Giusto un tantino! :P
Ma non era voluto, secondo me, è solo il brutto trip delle mani che avevo già ai tempi... ;)

UnaSpecieDiSpazio said...

Mai visto IL GRANDE VOLO, di Richard Donner? in cui si ricordano le cose che abbiamo dimenticato di quando eravamo piccoli: che gli animali parlano, che i mostri esistono e si può ingaggiar battaglia con essi, che buttarsi da un tetto con l'ombrello rallenta la caduta, che la coperta del tuo letto è magica e protegge dalle bastonate, che puntare il dito indice fingendo di sparare con una pistola può far cadere realmente il tuo avversario, grande o piccolo che sia, e poi il segreto più grande di tutti, quello che un adulto dimentica per primo, che se ci credi puoi volare...

D.

Eta said...

Santa Maria!
Sì che l'ho visto.
L'ho visto proprio con lui, con la mano testarda.

... Ennesima "non-coincidenza".

Per inciso: non è che avessimo visto molti film insieme, anzi.

Comunque grandissimo, David, non me lo ricordavo quel film, mi hai riportato alla mente un tesoro che amai moltissimo.
D'altronde, dello stesso regista, vedemmo anche "Ladyhawke" (adoro!)... Tutto a scuola, con la nostra mitica professoressa di Lettere.

Sabina Bianconiglio said...

Eh si Eta,nulla accade per caso! Sei la testimonianza di ciò che professo da troppo tempo,una voce che si perde nel vento e nello spazo,ovvero:non esistono distanze geogragiche-non esite il tempo!
Questo è il sussurro che arriva a te,da me!

Eta said...

Tesoro, che piacere averti qui!
Come ti dicevo nella nostra chiacchierata notturna, mi astengo da queste teorie, eppure le contemplo tutte.
Mi sa che quello che pensi tu sia più simile a ciò che pensa lui. :)

Ah, tra l'altro: l'hai capito vero di chi parlo? D'altronde quella sera c'eri pure te! ;)

Sabina Bianconiglio said...

Si carissima ho capito di chi parli,rammento bene la storia .Prestavo molta attenzione al tuo racconto;lieta inoltre d'esser stata presente a questo RE"incontro",solo in questo modo ho potuto leggerne nei tuoi occhi la sorpresa e lo shok!

Eta said...

Io ho letto nei tuoi l'empatia.
;)

Sabina Bianconiglio said...

Anche tu sveglia a quest'ora vedo!
Io ho appena finito di dipingere per stasera,la notte è l'unico momento silenzioso e calmo in cui posso farlo!
La notte è ancora lunga per me , tarda sarà l'ora che mi vedrà dormiente,come ormai capita da troppi notti!

Eta said...

Sabina, spalanchi una porta aperta.
Guarda tipo a che ora ho postato di recente: faccio FATICA a non andare a dormire se non già quando è tornata la luce da un bel po'.

Oh d'altronde che ti dissi quella notte? Sei sorpresa? Mica mentivo, hahaha!

Però domani ho una sveglia, vediamo se stanotte mi riesco a limitare...

Anyway, goodnight!

Sabina Bianconiglio said...

Si ricordo bene,fino alle 6:00 chiaccheravamo! Buonanotte a te!

Eta said...

Ed eccola la mia palermitana: "fino alle 6:00 chiaccheravamo!"!
Hahahaha!
Alla facciaccia del fatto che comunque sono vissuta in Padania, ma come mi piace sentire un po' di palermità nel parlare!
<3
Affetto a fette, proprio!!!
<3

Sabina Bianconiglio said...

Siciliana sonooo! E tu, siciliana seiii nel DNA. ^_^(e a me piace questo elemento ihihi)

Eta said...

Yeah!