Google+ Followers

Sunday, 8 April 2012

"Il rito"

Queste sono le foto portate da Rib. alla mostra Ombre organizzata da La Stanza Segreta.


IL RITO I
IL RITO II
IL RITO III
IL RITO IV

Vacuum Virgo

Un mese e mezzo fa circa, quando le scattò, mi sentivo solo la carne elegantamente messa in posa dalle sue manine speciali, nonché la carne poi completamente reinventata tramite il suo magico bianco apparecchietto informatico. Insomma, addirittura meno di una modella, tanta era la notevole metamorfosi operata da Rib, maghetta della macchina e della post-produzione.
Ora le teorie ipotizzabili potrebbero essere infinite, inclusa quella che, nell'editing digitale, fosse incluso un augurio di cambiamento reale, sta di fatto che ora in queste foto rivedo una me stessa ancor più vera.
I miei capelli sono ancora castani e il mio volto è ancora lo stesso, non quello strano disegnato da Rib., eppure quella me, ora, mi esprime meglio di come io stessa avrei saputo suggerire.
Hai fatto un rito davvero e non me l'hai detto?
A ogni modo, nel frattempo sono successe molte cose, che sicuramente hanno influito non poco. Il fatto più classicamente importante è che domenica scorsa ho preso il mio primo sola andata e ora mi trovo a Utrecht. E sono in uno stato di totale looking for: for a job, for a house. Ma mentre mi accingo a tanto cercare, guarda un po', senza nemmeno cercare più quello, ho trovato proprio il mio caro Vuøtø.
Credevo stesse da un'altra parte ancora, quella che avevo cancellato, invece era proprio nell'Altrove dove ero diretta.
Ho scoperto che è un'altra cosa da quella che pensavo.
Non distrugge.
Disperde il sè.
(Qualcosa di affine a ciò che ho scritto nell'ultimo post...)
Io cercavo nelle mancanze, che di per sè non esistono.
Invece è sparso ovunque.

Chi cerca trova? In effetti, credo nella Volontà.
Ma, non meno, credo nella Serendipità: "cercavo un ago in un pagliaio e ci ho trovato la figlia del contadino".

Quella foto in cui ho lo Spazio su una mano e il Vuoto sopra di me, ora non mi sembra più un troppo grande dolce imponente omaggio non accettabile per la mia umile stupida persona, ma la rappresentazione di ciò che provo.
Grazie, piccola Rib.
Grazie anche a Jul, che sa.

I hope you enjoy your trip.


I love you, nana

12 comments:

dorotea said...

Io non so come dirti che ti immagino a qualche chilometri di distanza che sbicicletti da un ponte a un altro e sembra che voli tanto ti sento leggera ed è bello, così tanto che non mi sto nella pelle all'idea di vederti e ascoltarti. fortuna che ho in ostaggio il tuo diploma, così non mi scappi! :D
A tra pochi giorni.

Eta said...

E con ciò realizzo che ovunque ci si veda, io vorrei con me la mia nuova bici bianca.
Nel caso, me la porto in treno, magari.
Tu ne hai una?
Ruotare i piedi le cosce e sentire il ventro tra i capelli, yes.
Peccato i tulipani sboccino pieni solo a fine mese...
Sdraiamoci nei campi, GoldenGirl!

dorotea said...

Non ho ancora una bici, ma adesso pare che io abbia uno sgabuzzino, quindi il prossimo passo è la bici.
Ce l'ho in testa da troppo tempo!
Tornerò anche a inizio maggio, allora i tulipani saranno sbocciati tutti quanti e noi potremo sdraiarci e stare a pancia in sù, ohcchebello!

Eta said...

Oddio davvero anche a maggio?!
Oddio che bello!
Sono in fioritura anche io solo a pensarci! :)

ribbon. said...

io ti doro
che ti devo dire di più

Eta said...

Te basta che fai il faccino della foto, my love.

dorotea said...

Sì, per il cocerto di Woodkid (ti infilo la ulce nell'orecchio)! Ma mi fermo per il week-end! Muah!

Anonymous said...

bella! dopo VER VISTO qst foto non vedo l'ora che invecchi! complimenti a rib!
sonica

Eta said...

"VER VISTO" è un tentativo di parlare un'altra lingua?? :D
Io pure sono curiosa di vedermi vecchia, hahahaha. Capelli spero alle caviglie, bianchissimi. WOW.

(I capelli erano e restano la cosa più importante del mondo. :P )

Eta said...

@ Dorotea
Hai scritto:
"ti infilo la ulce nell'orecchio".
Ho letto:
"ti infilo la LUCE nell'orecchio".
Ho pensato:
"fottuta dolcissima DOP".

Baci nerd-tulpan!

Eta said...

La lue nell'orecchio, poi, è un'idea tras-mediatica.
Mmm.

Anonymous said...

nono nessun tentativo! è solo qualche dito che si paralizza sulla tastiera! hah..siiii anche io spero di averli bianchi e lunghi! il problema è che nn crescono già più! bacissimi amor!
sonica